SEMINARI TECNICI

Eliapos s.r.l. – Corso di aggiornamento per Coordinatore per la progettazione e per l’esecuzione dei lavori. Programma. Costi. Scheda iscrizione.


InformAZIONE

metti-le-ali-al-tuo-futuro

APPUNTAMENTO DEI PERITI INDUSTRIALI CON GLI STUDENTI NEL NUOVO PADIGLIONE DELLA FIERA DEL LEVANTE (INGRESSO ORIENTALE) 

INGRESSO LIBERO GRATUITO

E’ gradita la prenotazione da parte delle Scuole. La Segreteria del Collegio Territoriale dell’Ordine dei Periti Industriali e dei Periti Industriali delle Prov.ce di Bari e B.A.T fisserà tempestivamente l’appuntamento presso lo Stand del CONSIGLIO  NAZIONALE  DEI PERITI  INDUSTRIALI  E   DEI PERITI  INDUSTRIALI  LAUREATI

CONSIGLIO  NAZIONALE  DEI PERITI  INDUSTRIALI  E   DEI PERITI  INDUSTRIALI  LAUREATI

I periti industriali sono una categoria professionale di 43 mila iscritti, con 98 collegi sparsi sull’intero territorio nazionale, ricca di specializzazioni differenti. Si tratta di una professione intellettuale riconosciuta in tutta Europa, di grande e consolidata tradizione e oggi in profonda evoluzione.

I cambiamenti di un tessuto produttivo che si è sempre più terziarizzato, l’innovazione tecnica e tecnologia, l’innata propensione all’innovazione, fanno di questa professione una categoria estremamente articolata al proprio interno, dove tecnici dell’ingegneria, informatici, esperti di salute e sicurezza, progettisti e collaudatori di impianti, designer e sviluppatori convivono nello stesso albo, uniti da quell’amalgama di conoscenze teoriche e competenze tecnico applicative, che rendono la professione unica nel suo genere.

Una professione del futuro, se come mostra la vita di tutti i giorni, la tecnologia, le reti, l’innovazione in senso lato entreranno sempre più nel nostro quotidiano, chiedendo un aggiornamento costante del modo di vivere. Dalla domotica al co-working, dalla sicurezza del territorio a alla sostenibilità ambientale, il perito industriale è una professione di frontiera, pronta a tradurre in realtà e concretezza ogni innovazione e stimolo che proviene dal mondo che cambia.

Valutare, progettare e collaudare, sono gli imperativi della professione: un lavoro che parte dallo studio, dall’analisi, e che tramite la progettazione, traduce in soluzioni concrete grandi e piccole idee.

Proprio perché il perito industriale si occupa di questioni che riguardano direttamente la sicurezza, molte delle attività svolte sono disciplinate da una normativa che richiede l’iscrizione all’Albo professionale.

Ma per tenere il passo del mercato e rispettare i principi che arrivano dall’Europa, secondo i quali l’esercizio di una professione intellettuale è subordinato ad un titolo di laurea triennale, il CNPI ha fortemente spinto, e recentemente ottenuto, dal parlamento una legge che obbliga l’iscrizione all’albo con una laurea triennale. La legge 89/16 in materia di scuola e università ha infatti stabilito l’obbligo di una laurea triennale per accedere all’albo dei periti industriali, prevedendo un periodo transitorio di cinque anni ancora, fino al 2021 per i diplomati. Si tratta di un tassello fondamentale per la categoria che rappresenta però, solo un punto di partenza. L’attuale CNPI sta lavorando alla costruzione di un corso di laurea triennale professionalizzante che punta ad offrire alle generazioni future un modello diverso di sapere, integrato e flessibile, in grado di proiettarle davvero verso una dimensione europea. Il nuovo percorso potrebbe nello stesso tempo contribuire a una più immediata identificazione del profilo professionale del tecnico di primo livello, oggi resa complessa oltre che dalla varietà degli ambiti di competenza dei professionisti, proprio dall’estrema articolazione dei percorsi di accesso alla professione. Quindi laurea triennale per l’accesso all’albo, con la salvaguardia per chi è già iscritto che resta con le stesse competenze, e percorso professionalizzante, ma non solo. L’attuale consiglio è, infatti, ora impegnato nella riforma dell’ordinamento professionale, puntando a una semplificazione e a un accorpamento delle specializzazioni esistenti, per rendere il futuro albo coerente ancora una volta con i profili professionali presenti anche in Europa.

SERVIZI OFFERTI DAGLI ENTI ORGANIZZATORI

-Presenza espositiva di tutta l’offerta nazionale ed internazionale di aziende ed enti;               

-Test attitudinali e Test di conoscenza linguistica;                                                                                 

-Simulazione colloqui di lavoro e scrittura Curricula;                                                                              

-Simulazione test di ammissione alle facoltà a numero chiuso, 7 sessioni giornaliere;           

-Ricerca Teen’s  Voice, indagare il mondo dei giovani attraverso le aspettative, i valori e i loro modelli di riferimento;         

-Sportello Counseling per colloqui singoli o di gruppo con gli psicologi dell’orientamento.                                       

ANNUAL-REPORT-2016-17.pdf

Camera di Commercio di Bari – Enel Innovation Lab sbarca a Bari incontro presso Camera di Commercio di Bari, Sala Azzurra , 6 novembre, ore 10.30. L’obiettivo dell’evento: presentare la Call lanciata da ENEL e le opportunità per le aziende pugliesi. Il Bando, con scadenza il 15 novembre 2017, ha lo scopo di selezionare innovatori da coinvolgere nelle attività globali del gruppo. I vincitori accederanno ad un percorso di crescita e accelerazione presso l’avveniristico Innovation Hub siciliano e potranno relazionarsi con Enel per l’individuazione di partnership strategiche sia commerciali che tecnologiche e Enel ha avviato nel polo tecnologico siciliano: 80 milioni di euro nella fabbrica di moduli fotovoltaici 3Sun e da 20 milioni nell’Innovation Lab, che sarà trasformato in campus tecnologico nel settore energetico di livello internazionale.

L’ITS di Brindisi pubblica un Bando di selezione per l’ammissione ai corsi “DI DIPLOMA DI TECNICO SUPERIORE 2017-2019”


I.T.S. “Cuccovillo” – Bari – E’ stato pubblicato sul sito (www.itsmeccatronicapuglia.it) il bando per la selezione degli studenti per l’accesso ai corsi biennali post-diploma di:

– TECNICO SUPERIORE PER L’INNOVAZIONE DI PROCESSI E PRODOTTI MECCANICI

1.a Ingegnerizzazione Industriale (ITS per BOSCH);

1.b Miglioramento continuo della Produzione e della Logistica Industriale;

TECNICO SUPERIORE PER L’AUTOMAZIONE ED I SISTEMI MECCATRONICI PER:

2.a Manutenzione Predittiva e Industria 4.0 ;

2.b Progettazione e Programmazione dei sistemi di automazione e Robotica ed Additive Manufactoring

3.a Meccatronico della manutenzione, Service e Retail del Settore Automotive (in collaborazione con il Gruppo Maldarizzi)

3.b Meccatronico per il controllo Predittivo e diagnostico delle Tecnologie e delle Infrastrutture Ferroviarie” (in collaborazione con le aziende del settore ferroviario: Alstom, Mermec, Eletech ed altre)

4. Meccatronico per la Produzione e Manutenzione Predittiva i 4.0 degli impianti e delle Macchine Agricole Meccatroniche”

TECNICO SUPERIORE PER IL PRODOTTO, PROCESSO E MARKETING NEL SETTORE ARREDAMENTO

5.a Retail Merchandising Specialist (in collaborazione con Natuzzi)

5.b Service Life Cycle Specialist        (in collaborazione con Natuzzi)


Comune di Gravina in Puglia – Iscrizione all’elenco di Professionisti per l’affidamento di incarichi tecnici di importo inferiore a 100.000,00.


UNICUSANO proposta formativa universitaria per i periti industriali e loro familiari


BANDO DI SELEZIONE per l’ammissione ai Corsi di DIPLOMA DI TECNICO SUPERIORE 2016-2018 nel settore Meccanico – Meccatronico – Legno (Sistema Casa)


 

REGIONE PUGLIA – DIPARTIMENTO MOBILITA’, QUALITA’ URBANA, OPERE PUBBLICHE, ECOLOGIA E PAESAGGIO

Oggetto: Riconoscimento figura professionale di “Tecnico competente in acustico” ai sensi delI’art. 21 c. 5 del D. Lgs. 17 febbraio 2017, n.42.

In data 19.04.2017 è entrato in vigore il D.Lgs. 17 febbraio 2017, n.42 che abroga il D.P.C.M. 31 marzo 1998 e apporta significative modifiche alle modalità per il riconoscimento della figura professionale di tecnico competente in acustica.

Tra le nuove disposizioni introdotte dal citato D.Lgs, il comma 5 dell’art. 21, prevede la facoltà, per i soggetti che hanno già ottenuto il riconoscimento della qualifica di tecnico competente in acustica ai sensi dell’abrogato DPCM 31 marzo 1998, di presentare alla Regione che ha effettuato il riconoscimento, entro 12 mesi dalla data di entrata in vigore del richiamato D.lgs. 42/2017, istanza nelle forme e modi stabiliti dal DPR 445/2000 per l’inserimento nell’elenco nazionale di cui all’articolo 21, comma 1, deI D.Lgs. 42/2017.

Come noto, in Puglia a seguito di quanto disposto dalla L.R. 17/2007, la competenza sul riconoscimento della “qualifica di tecnico competente in acustica ambientale” è stata trasferita dalla Regione alle Province.

Pertanto, al fine dell’inserimento nell’elenco nazionale di cui all’art. 21, c,1 del D.Lgs. 42/2017, i tecnici in possesso del requisito di cui all’art. 21 c.S del richiamato D.Lgs, potranno presentare all’Ente che ha effettuato il riconoscimento della qualifica (Regione o Provincia/Città Metropolitana), entro il 18.04.2018 la “domanda di iscrizione” secondo il format allegato alla presente.

Tale istanza dovrà essere presentata a mezzo PEC, in una delle due seguenti modalità:

– Invio della scansione del modello cartaceo con firma autografa accompagnato dalla scansione del documento di identità in corso di validità;

– Invio del modello compilato e firmato digitalmente.

Per ultimo, in attesa dell’aggiornamento delle disposizioni normative regionali, si invitano gli enti in indirizzo a provvedere alla massima diffusione della presente presso Albi, Collegi e Ordini Professionali, tramite i canali di comunicazione ritenuti idonei. Domanda di iscrizione.


Esame di Abilitazione 2017: La G.U. – IV serie speciale n° 32 ha pubblicato a pag. 18 l’O.M. M.I.U.R. per l’abilitazione all’esercizio della professione per l’anno 2017. Presso la Sede del nostro Collegio Territoriale dell’Ordine è disponibile il modello di domanda precompilato su modulo continuo. Il giorno 19 maggio 2017 ore 17.30 iniziano le lezioni per la preparazione agli esami.

Collegamento Gazzetta Ufficiale


Il DPR 7 agosto 2012, n. 137, ha disciplinato la riforma degli ordinamenti professionali ed il C.N.P.I. ha adottato i seguenti Regolamenti e Direttive:
Tirocinio (ex praticantato)
Norme di deontologia
Consiglio di Disciplina
Procedimento Disciplinare
Formazione Continua e Nuove Linee Guida
Richiesta riduzione o esonero CFP
PRESTARE PARTICOLARE ATTENZIONE AGLI OBBLIGHI DEONTOLOGICI DERIVANTI DAL REGOLAMENTO DELLA FORMAZIONE CONTINUA LEGGERE GLI ADEMPIMENTI DEL PROFESSIONISTA.
TABELLA – Crediti Formativi Professionali 

Nuova Tabella C.F.P. (decorrenza 01/01/2017)


Regione Puglia – Comunicato. Piano formativo appalti pubblici: riapertura dei termini di iscrizione per gli operatori degli Enti Territoriali.


Pubblicata in Gazzetta Ufficiale n.124 del 28-5-2016 la Legge 89/16 sul sistema scolastico e universitario.

Il provvedimento fissa nella laurea triennale il requisito minimo per iscriversi all’albo dei periti industriali, prevedendo inoltre un periodo transitorio di cinque anni per i diplomati, di vecchio e nuovo ordinamento.  La legge è entrata in vigore il giorno successivo alla pubblicazione in GU.

A un anno e mezzo dal Congresso Straordinario arriva quindi l’attuazione dell’obiettivo che la categoria aveva scelto a larga maggioranza dei delegati (82%).

E così il Consiglio nazionale, nel prendere atto della volontà espressa dalla base, ha messo in atto senza sosta una serie di iniziative finalizzate ad attuare la riforma dell’ordinamento professionale e a portare la Categoria Oltre quel ponte. E’ quindi partita un’azione capillare di comunicazione con gli atenei che ha portato nel corso degli ultimi mesi ad una serie di accordi, finalizzati da un lato a sostenere l’ innalzamento del titolo di studio per gli attuali iscritti che lo vorranno, dall’altro a costruire un percorso di laurea professionalizzante.

Parallelamente è stata avviato un dialogo, diventato sempre più fitto e proficuo, con la principale rappresentanza del mondo accademico, la Conferenza dei rettori (Crui) e il Consiglio universitario nazionale (Cun), che hanno dichiarato apertamente la massima disponibilità a collaborare per costruire un percorso accademico triennale per la professione tecnica.

In questo senso, grazie anche a una consapevolezza generale del mondo accademico e delle istituzioni, il Consiglio nazionale è diventato il primo portavoce della necessità di creare un nuovo modello di laurea triennale professionalizzante tanto da entrare, unica tra le professioni, a far parte del tavolo costituito in seno alla stessa Conferenza dei rettori.

LEGGE 26 maggio 2016 , n. 89 . Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 29 marzo 2016, n. 42, recante disposizioni urgenti in materia di funzionalità del sistema scolastico e della ricerca. 

-omissis-

Art. 1 -septies (Disposizioni in materia di ordinamento professionale dei periti industriali) .

1.Alla legge 2 febbraio 1990, n. 17, sono apportate le seguenti modificazioni: a) all’articolo 1, comma 1, le parole: “ai licenziati degli istituti tecnici che abbiano conseguito lo specifico diploma secondo gli ordinamenti scolastici” sono sostituite dalle seguenti: “a coloro che siano in possesso della laurea di cui all’articolo 55, comma 1, del regolamento di cui al decreto del Presidente della Repubblica 5 giugno 2001, n. 328”; b) all’articolo 2, comma 1, lettera e) , le parole: “del diploma di perito industriale” sono sostituite dalle seguenti: “della laurea di cui all’articolo 55, comma 1, del regolamento di cui al decreto del Presidente della Repubblica 5 giugno 2001, n. 328”; c) all’articolo 2, i commi 3 e 4 sono abrogati; d) all’articolo 3, il comma 3 è abrogato.

2.Oltre a quanto previsto dall’articolo 3, comma 2, della legge 2 febbraio 1990, n. 17, conservano efficacia ad ogni effetto di legge i periodi di praticantato, i titoli di studio maturati e validi ai fini dell’ammissione all’esame di Stato per l’abilitazione all’esercizio della libera professione, nonché i provvedimenti adottati dagli organi professionali dei periti industriali e dei periti industriali laureati secondo le disposizioni vigenti prima della data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto, per un periodo di cinque anni dalla medesima data. Per il medesimo periodo, conservano il diritto di accedere all’esame di Stato per l’abilitazione all’esercizio della libera professione anche i soggetti che conseguono un titolo di studio valido a tal fine ai sensi della normativa previgente».

-omissis-


AVVISO EQUITALIA

Si informano gli Iscritti all’Albo che a seguito del Protocollo d’intesa firmato tra Equitalia e il Consiglio Nazionale dei Periti Industriali e Periti Industriali Laureati si informa che sul sito:

https://www.gruppoequitalia.it/equitalia/opencms/it/associazioni-e-ordini/Ordini/

è attivo lo sportello telematico dedicato.

Lo sportello telematico di Equitalia è un apposito canale di assistenza che consente di favorire, migliorare e semplificare i rapporti con i Professionisti.

Gli iscritti al nostro Ordine possono richiedere informazioni e consulenze gratuite ad Equitalia compilando la specifica modulistica presente sul predetto sito.


MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO E PIANO DI SICUREZZA INFORMATICA


 

Il DPR 7 agosto 2012, n. 137, ha disciplinato la riforma degli ordinamenti professionali ed il C.N.P.I. ha adottato i seguenti Regolamenti e Direttive:
Tirocinio (ex praticantato)
Norme di deontologia
Consiglio di Disciplina
Procedimento Disciplinare
Formazione Continua e Nuove Linee Guida
Richiesta riduzione o esonero CFP
PRESTARE PARTICOLARE ATTENZIONE AGLI OBBLIGHI DEONTOLOGICI DERIVANTI DAL REGOLAMENTO DELLA FORMAZIONE CONTINUA LEGGERE GLI ADEMPIMENTI DEL PROFESSIONISTA.
TABELLA – Crediti Formativi Professionali

SONO DISPONIBILI NELL’AREA RISERVATA DELLA FORMAZIONE CONTINUA I CORSI ON-LINE:
1) RIFORMA DEGLI ORDINAMENTI PROFESSIONALI. (3 crediti formativi professionali CFP)
2) COMPETENZE E ATTIVITA’ PROFESSIONALI DEI PERITI INDUSTRIALI E DEI PERITI INDUSTRIALI LAUREATI. (3 crediti formativi professionali CFP)


INFORMAZIONI   RC  PROFESSIONALE

Il nostro Consiglio Nazionale ha definito una convenzione per la Polizza Rischi Professionali e di Tutela Legale.
I nostri Professionisti possono consultare sul sito web www.cnpi.it mediante il banner “strumenti”:
– il manuale operativo (domande/risposte)
– il fascicolo informativo Periti Industriali;
– il fascicolo informativo Studi Tecnici misti;
– l’estratto esplicativo 


Protocollo d’intesa tra il CNPI e il Consiglio Nazionale dei Chimici.


 


ITS_logo

 

Istituto di alta formazione per :

-Tecnici Superiori per l’Automazione Integrata e i Sistemi Meccatronici;
-Tecnici Superiori per l’innovazione di Processi e Processi e prodotti Meccatronici


nobat